homeprogettimodelliprofessionisticontatti
Seacon s.r.l.
Viale dei Parioli, 60 - 00197, Roma
Tel. : (+39)068082669
(+39)068082106
(+39)0697746710
Fax : (+39)068082790
Email : seacon@seacon.it
Pec : seacon@legalmail.it


study for "dry storage"
MODELLI MATEMATICI SPECIALISTICI DISPONIBILI SU LICENZA

 

SMS 9.2 per Windows - interfaccia grafico e risolutore per i seguenti modelli matematici:

STWAVE - modello matematico alle differenze finite: simula la rifrazione e lo shoaling dell’onda,l’interazione del sistema ondoso con le correnti marine,
la trasformazione delle onde generate dal vento, la ridistribuzione e la dissipazione dell’energia causata dall’increspamento e dal frangimento dell’onda.

ADCIRC - modello di circolazione masse d’acqua e di onde di lungo periodo, Il codice di calcolo verifica le condizioni di circolazione in prossimità delle coste
determinate dalla marea, dal vento e dalla variazione di densità del mare.

CGWAVE - simula contemporaneamente gli effetti della rifrazione,della diffrazione, della riflessione causata dalla variazione di profondità e dalle strutture,
della dissipazione dell’energia dell’onda dovuta all’attrito con i fondali e al frangimento e l’effetto della dispersione non lineare dell’ampiezza dell’onda.
Analizza la trasformazione dell’onda a basse profondità nelle vicinanze della costa, quindi appartiene a quella classe di modelli matematici che operano in “local scale”


CEDAS VERSION 4.03 : interfaccia grafico e risolutore per i seguenti modelli matematici

GENESIS - sistema esperto per lo studio della dinamica costiera

Distribuiti da: Veri-Tech, Inc.
P.O. Box 820109
Vicksburg, MS 39182 - 0109

Plaxis 2D (version 9.2) - codice di calcolo agli elementi finiti utilizzabile per eseguire analisi di stabilità e di deformazione nell'ambito di numerose applicazioni geotecniche

Distribuito da: GEOSPHERA
Via Panoramica, 85
80056 Ercolano
Napoli

 

MODELLI MATEMATICI SPECIALISTICI DI PROPRIA ELABORAZIONE

BREAK.E.S. : sistema esperto per il calcolo e dimensionamento delle scogliere frangiflutti

MODELLO MATEMATICO POST FRANGIMENTO E SETUP

Applicazioni: determinazione del decadimento dell'onda frangente e del sovralzo dalla linea dei frangenti fino a riva;
Fenomeni analizzati: dissipazione dell'energia causata dal frangimento, sovralzo rispetto al l.m.m. e conseguente valutazione dell'altezza d'onda in condizioni frangenti;
Metodo: bilancio energetico ed utilizzo del "bore model" di Batthies. Conservazione della massa ed equazione del momento in direzione del frangimento;
Bibliografia: Batthjes 1978, Mase ed Iwagaki 1982, Sakai ed al. 1986.

MODELLO “OLD” DI ANALISI STORICA DEL LITORALE

Applicazioni: valutazione dell'evoluzione storica del litorale sulla base di dati aerofotogrammetrici, topografici e batimetrici. Restituzione grafica della linea di costa e dei tassi di variazione. Analisi quantitativa dei sedimenti;
Fenomeni analizzati: variazioni temporali della linea di costa e delle sue sezioni trasversali;
Metodo: elaborazione numerica dei dati rilevati in funzione dell'anno di osservazione.
Risoluzione esplicita dell'equazione di trasporto per la determinazione delle quantità di sedimento scambiate tra due sezioni. Bilancio di massa dell’unità costiera considerata.

MODELLO "ONE LINE" VARIAZIONE LINEA DI COSTA

Applicazioni: studio dell'evoluzione di un segmento di costa e previsione delle possibili future modifiche a seguito di interventi realizzati o da realizzare sulla base dei dati meteomarini e sedimentologici disponibili;
Fenomeni analizzati: evoluzione di un segmento di costa tenendo conto della rifrazione, della diffrazione e del frangimento; valutazione dei tassi di erosione e/o ripascimento;
Metodo: principio di conservazione della massa applicato al sedimento della zona, fissate le condizioni al contorno; valutazione del volume di sedimento scambiato tra due sezioni limitrofe in funzione dell'altezza d'onda frangente desunte dalla propagazione e diffusione a riva dell'onda al largo. Randomizzazione dei fenomeni meteomarini;
Bibliografia: Sunamura, Horikawa 1974, Kamphuis, Readshaw 1978, Kamphuis 1994.

MODELLO “RAY”DI SIMULAZIONE A RAGGI

Applicazioni: determinazione dello stato di agitazione interna ad una struttura portuale;
Fenomeni analizzati: rifrazione per variazione di fondale, riflessione sulle strutture interne, diffrazione attraverso un contorno definito od una fenditura;
Metodo: assimilazione locale del fronte d'onda ad una serie di raggi, propagazione del raggio e diffusione all'interno dell'opera finché l'energia associata non divenga trascurabile;
calcolo dell'energia associata al moto ondoso con valutazione del fenomeno del frangimento e dell'attrito sui bassi fondali;
Bibliografia: Southgate 1985, Berkhoff 1973, 1976 Smallman 1985, Pos 1987, Kamphuis 1994.

MODELLI DI CORRENTE

Applicazioni: determinazione del campo idraulico di correnti in due dimensioni; analisi in campo dinamico ed in campo stazionario;
Fenomeni analizzati: correnti indotte in una zona costiera dal vento, dalla marea, dall'efflusso di fiumi; interazione con il fondo e con ostacoli definiti; effetto della forza di Coriolis per l'analisi su grandi masse;
Metodo: integrazione verticale delle equazioni di conservazione della massa, del momento e della diffusione; possibilità di tenere in conto l'effetto dell'attrito sul fondo, della corrente "longshore" e dei vortici.
Metodo di risoluzione esplicito con passo ridotto e codifica delle condizioni al contorno;
Bibliografia: Leendertse 1970, Falconer 1980, Leendertse 1990.

DIFFUSIONE DEGLI INQUINANTI E/O DEL CALORE

Applicazioni: determinazione del campo di concentrazione di un qualsiasi inquinante o sostanza in sospensione o del campo termico associato ad una immissione a temperatura diversa. Il modello usa la simulazione del campo idrodinamico associato al vento, alla marea ed alle variazioni di massa;
Fenomeni analizzati: diffusione turbolenta dell'inquinante o della temperatura, decadimento o meno dello stesso secondo leggi prefissate;
Metodo: risoluzione in forma chiusa dell'equazione del bilancio della concentrazione o della temperatura usando termini di dispersione e diffusione in funzione del campo di corrente, codifica delle condizioni al contorno;
Bibliografia: Falconer 1976, 1984, 1986, Leendertse 1971.

MODELLO DI CALCOLO GEOTECNICO BIDIMENSIONALE SIMULAZIONE IN CAMPO STATICO E DINAMICO

Applicazioni: modellazione matematica in campo statico e dinamico di tutti i problemi geotecnici inclusi pali, paratie, fronti di scavo, gallerie, pendii in frana, interazione terreno-struttura etc.;
Fenomeni analizzati: evoluzione in funzione del tempo di tutti i parametri geotecnici per qualsiasi applicazione, compresi i fenomeni di viscosità';
Metodo: risoluzione esplicita od implicita delle equazioni di conservazione delle masse e della quantità' di moto;
utilizzo dello schema di discretizzazione misto per una modellazione accurata del fenomeno della rottura plastica;
possibilità' di seguire processi di instabilità'
possibilità' di utilizzare i più' noti modelli di terreno (modello Mohr - Coulomb, Cam - Clay, Drucker - Prager etc.);
Bibliografia: Marti e Cundall 1982 1986.